Pubblicato il 01/01/2009

Potremmo quantificare le ore (il più delle volte notturne) utilizzate per la creazione del sito internet, aggiungerci i ricavi, sempre se il sito ha fonti di guadagno, verificare il numero di visitatori e di visite e les jeux sont faits! Eccolo là il valore che tanto cercavamo, che rappresenta tutti i nostri sforzi e sacrifici.
Ma siamo veramente sicuri che tale valore ripaghi il nostro lavoro ? Forse nessuno vorrà comprarlo ad un prezzo cosi elevato, oppure il sito internet ha un valore molto più importante di quello ottenuto. Cominciamo nel dire che : La valutazione dei siti web non é una scienza esatta.
Negli ultimi anni diversi metodi, tra i più semplici ai più sofisticati, sono stati trovati per calcolare il valore economico di un sito web, ma sfortunatamente nessuno di essi permette con estrema precisione di assegnare un montante adeguato.
Un metodo semplice permette di ottenere un valore economico di base:

(Guadagni/Numero di VU) x (multiplo di mesi)


Successivamente é possibile quantificare diverse variabili che risultano chiavi per la determinazione del valore :
  • pagerank
  • user database
  • numero email optin
  • numero di visitatori unici (mensili)
  • numero di pagine viste (mensili)
  • soggetto
  • indicizzazione nei motori di ricerca
  • tecnologie utilizzate
Altre variabile sono importanti per una corretta valutazione, consideriamo tali variabili non quantificabili, in quanto non é possibile assegnare un valore esatto ma piuttosto una valore di apprezzazione una sorta di ranking (AA, A, A-, BB, B, B-) :
  • grafica
  • ergonomia e accessibilità